Interoperabilità

Let the Sun-shine in (Oracle)

Contenuto non tradotto per le rilevanti dimensioni e il poco tempo. Descrivo perché prendo le difese (anche in senso tecnico) di Oracle nell'acquisizione di Sun.

First, you will pardon my cheap and obvious borrowing the lead tune from Hair.

In my previous blog entry I have briefly discussed that I intended to take actions to help the Sun/Oracle merger to be cleared by the EC Antitrust authorities. Indeed I have offered my dispassionate help as a Free Software and digital liberties advocate to the legal team assisting Oracle. They have gladly accepted my offer to help. It was discussed if I could also take the position of co-counsel to Oracle in the procedure, and so was decided.

This could be perhaps a surprise to casual readers. I take the opportunity to clarify what my motives are. It could be regarded as odd that I feel like I have to justify why I am accepting instructions that some of my colleagues would simply kill for. The point is that – unlike many – I am not a hired gun for whomever can afford to pay me. And I am quite fond of saying that I am in a position to refuse cases that are against my beliefs as a Free Software advocate.

Rambus e i brevetti all'interno degli standard

È appena giunta voce di una proposta di accordo di una azione antitrust UE contro una società di nome Rambus. Rambus risulta aver proposto un accordo al fine di ridurre le proprie pretese di royalty per i brevetti DRAM, il che dovrebbe condurre -- tecnicamente -- a una decisione secondo l'art. Art. 9 del Regulamento CE 1/2003. La Commissione l'ha pubblicata al fine di condurre un  "market testing", invitando commenti dalle parti interessate per la metà di Luglio. Sebbene le licenze e le royalty proposte facciano sollevare più di un sopraccilio, tutto ciò è nella stessa striscia di successi che l'Unione Europea ha raggiunto esattamente dove l'antitrust USA ha più evidentemente fallito. Ma più importante, è il primo segnale al mondo degli standard che i recenti abusi e libertà prese da alcuni protagonisti saranno sotto il vigile scrutinio delle autorità della concorrenza. 

Document Freedom Day, Italia

document freedom

UPDATE: Online il materiale sull'evento.

Anche a Milano, su iniziativa del FSUG (Free Software User Group), verrà organizzato un evento nell'ambito del Document Freedom Day. È uno dei molti eventi organizzati in Italia. Tutto ciò nel giorno in cui promuoveremo la possibilità di essere indipendenti da un singolo venditore e liberi di conservare i nostri documenti e i nostri dati. Si supportano solo standard aperti. Il prossimo 25 Febbraio.

Openoffice.org 3.0 fa il botto

Interessante press release del PLIO, il progetto linguistico italiano di Openoffice.org: 32.000 download in Italia in poche ore per la versione stabile dell'applicazione (che è anche l'applicazione di produttività d'ufficio da me preferita, e lo era già prima del coinvolgimento professionale).

In un giorno, 390.000 download nel mondo, 32.000 in Italia

Il PLIO crea un accesso alternativo ai download sulla home di www.plio.it

Pagine